img_big
News
l record di Numinato “Dario” Licari: ieri mattina l’ultima impresa

STUDIOSO DA RECORD. Cinque tesi in appena 19 anni. E’ l’uomo più laureato d’Italia

L’ultimo attestato lo ha conseguito ieri mattina. Una laurea triennale in Scienze dell’Educazione presso l’Università degli Studi con pieni voti grazie ad una tesi sull’emancipazione femminile dal titolo “Donne che leggono, letture di donne: una emancipazione possibile?”. Numinato Licari, per gli amici Dario, una vita in Barriera di Milano, non smette di inseguire sogni e record. A 41 anni, oltre ad essere il plurilaureato più giovane del Piemonte, è anche uno dei due italiani (l’altro è abruzzese ma ha 25 anni in più) che possono vantare di aver conseguito cinque lauree diverse. «È un fattore d’orgoglio – spiega Dario – pensare che sono, forse, l’unico 40enne con cinque lauree in tasca».

Animatore da 25 anni, e da 13 educatore, presso l’oratorio salesiano Michele Rua, Dario ha sempre trovato il tempo per condividere anche lavoro, politica e famiglia. Raggiungendo il suo primo obiettivo nel 1997 con la laurea in Scienze Infermieristiche. Cinque anni dopo, nel 2002, la replica al Dams presso Scienze della Formazione. All’Università degli Studi di Torino ottiene altri due attestati. Nel 2006 si laurea in Lingue e Letterature Straniere e nel 2010, infine, la laurea in Lettere e Filosofia. Poi la pausa nel 2011. Per organizzare il matrimonio, il primo gennaio del 2012 a San Rafael, con l’attuale moglie Cecilia.

Ma Dario è anche capogruppo del Pd in circoscrizione Sei e candidato alle prossime amministrative, papà a tempo pieno di due figli: il primo, Dante Jesus, ha 2 anni e mezzo mentre la seconda, Virginia, è ancora nella pancia della mamma. «Dopo la quarta laurea mi sono fermato – ricorda Dario -. Poi ho ripreso con gli studi, sapendo di diventare papà nel giro di qualche mese». Nonostante un piccolo da crescere Dario riesce a laurearsi per la quinta volta. «Spero, davvero, di poter essere d’esempio a tanti giovani».

Philippe Versienti

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo