img
News
La palazzina è stata devastata da un incendio ad inizio gennaio

Gli alloggi sotto sequestro saccheggiati dagli sciacalli

Decine di persone sfollate per un incendio dai contorni sospetti, per un rogo che nella notte tra il 2 e il 3 gennaio scorsi ha distrutto alcuni appartamenti delle case popolari di via Sospello, nel quartiere Borgo Vittoria. Al civico 161/16 si parlò subito di un possibile dolo, tesi mai scartata dagli investigatori. In ogni caso, l’in cendio ha costretto i vigili del fuoco a evacuare l’intera palazzina. E oggi quella stessa palazzina continua ad essere ostaggio di altri episodi ignobili: furti in serie, secondo le famiglie che hanno dovuto obbligatoriamente cambiare casa. Ignoti sciacalli, hanno approfittato dell’assenza dei legittimi proprietari, per entrare negli appartamenti e saccheggiarli. «A me hanno portato via un pc e un telefono – racconta una ex residente . Ad altri un televisore e dei gioielli, lasciati sbadatamente in mezzo alle macerie».

L’edificio ha riportato danni alla struttura che sono tutt’ora oggetto di una verifica da parte dei tecnici e per questo una parte delle sessanta persone evacuate non ha potuto tornare negli appartamenti. E forse mai ci tornerà. «Tutto per colpa di una vendetta – ribatte Sabrina, residente in una vicina palazzina -. Quell’appartamento veniva occupato abusivamente. E qui in zona non è nemmeno l’unico».

Secondo l’Atc, però, sarebbero state prese tutte le precauzioni del caso. «Per quanto riguarda i furti – spiegano da corso Dante -, gli inquilini che hanno dovuto lasciare la casa sono stati invitati a portare nel nuovo appartamento masserizie ed elettrodomestici. Sono stati i tecnici stessi a riempire gli scatoloni con gli oggetti personali».

Gli appartamenti ancora inagibili, infine, sarebbero dotati di un sistema antintrusione. «Siamo convinti – concludono da Atc -, che non ci sia più nulla di valore in quegli alloggi».

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo