img_big
News
Caschi bianchi contro il mancato riconoscimento della progressione di stipendio

Torino, la protesta dei vigili di Porta Palazzo: “Stop straordinari sabato e domenica”

Gli agenti della polizia municipale di Torino in servizio a Porta Palazzo dicono stop agli straordinari nei giorni di sabato e domenica in segno di protesta contro le valutazioni che hanno escluso quasi la metà di loro dalle progressioni di stipendio. “A seguito di quanto emerso relativamente alle progressioni orizzontali, come vigili di Porta Palazzo – affermano i ‘caschi bianchi‘ torinesi in un comunicato – abbiamo deciso all’unanimità, fino a data da destinarsi, in segno di protesta, di non lavorare più in straordinario il sabato e la domenica, cosa che finora avevamo sempre fatto pur di coprire i servizi”. I vigili in sciopero degli straordinari sottolineano che “si è avuta una percentuale del 45,4% di esclusi, che non percepiranno l’aumento di stipendio atteso da quasi un decennio”. “A Torino e a Porta Palazzo – rimarcano – si domanda sicurezza e percezione di questa: chi lavora in questo territorio svolge attività di ordine pubblico, senza causa di servizio. Non crediamo di essere superiori, più competenti o capaci dei colleghi che operano nelle altre sezioni, ma chiediamo che ci venga riconosciuto il lavoro svolto nel contesto territoriale tra i più difficili della città. Forse non meritiamo un premio per il lavoro che svolgiamo, ma neanche meritiamo di essere penalizzati in una maniera così pesante senza nessun motivo oggettivo che lo possa giustificare”. “Chiediamo di valutare la possibilità di mantenere la graduatoria aperta – concludono – al fine di permettere anche ai colleghi esclusi di effettuare la progressione orizzontale”. Per il consigliere comunale di Forza Italia Andrea Tronzano, “forse è ora di pensare a un ente terzo che possa evitare discrezionalità incomprensibili nelle valutazioni”. 

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo