Suicidio

Vigile urbano si toglie la vita con la pistola d’ordinanza

Si è ucciso con un colpo di pistola alla tempia, sparato con la pistola d’ordinanza. Si è ucciso così, ieri pomeriggio, un vigile urbano di Torino che viveva con i genitori a Osasco. Sull’episodio indagano i carabinieri della compagnia di Pinerolo.

L’episodio è avvenuto ieri pomeriggio nei pressi della casa di campagna dell’uomo e dei genitori. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, C. G., 40 anni, è uscito di casa senza dare troppe spiegazioni. Poi si è allontanato di poco, entrando nella boscaglia che si trova proprio a ridosso dell’abitazione. Quindi ha raggiunto un piccolo corso d’acqua che si trova in zona e si è puntato la pistola d’ordinanza alla tempia.

Sul posto sono immediatamente intervenuti i carabinieri e un’ambulanza del 118 ma per l’uomo purtroppo non c’era più nulla da fare. I militari hanno compiuto i rilievi di rito, al termine dei quali è stata esclusa ogni altra ipotesi che non fosse quella del suicidio. Il tragico gesto sarebbe da imputare a un periodo di depressione nel quale l’uomo era caduto in seguito a qualche difficoltà personale.

 

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single