img
News
Tunnel completamente percorribile da oggi, la fresa montata ad aprile

Riapre il sottopasso del Lingotto. Via all’assemblaggio della talpa

Niente più cantieri: da oggi, il sottopasso del Lingotto viene “liberato” dalle transenne e, finalmente, sarà nuovamente riaperto nella sua totalità al traffico veicolare. Si tratta soltanto di una delle novità portate in dote dall’avanzamento dei lavori della metro. Già, perché, come ricorda il coordinatore alla viabilità della circoscrizione Nove, Massimiliano Miano, «il sottopasso del Lingotto è stato reso percorribile su una sola corsia per entrambi i sensi di marcia per consentire alla ditta appaltatrice della metro di realizzare i lavori di consolidamento lato sud e nord propedeutici al passaggio della talpa Masha».

Ed eccola in arrivo, la talpa: la spettacolare perforatrice, lunga 100 metri, verrà assemblata a partire dal prossimo mese nel piazzale della stazione Bengasi: solo quando sarà ultimato lo scavo fino al solettone di fondo Masha inizierà il suo lavoro. Insieme alla talpa, sono in produzione anche i 7.752 conci in calcestruzzo che formeranno l’anello di rivestimento del tunnel; e c’è un piccolo “marchio” piemontese anche nella realizzazione dei conci: lo stabilimento di prefabbricazione, infatti, si trova a Basaluzzo, in provincia di Alessandria.

Non si tratta comunque delle uniche novità: anche il cantiere di piazza Bengasi verrà ampliato, per la realizzazione degli accessi della stazione capolinea: ciò comporterà, inevitabilmente, anche delle ricadute sulla viabilità della zona limitrofa, che già adesso deve destreggiarsi tra ruspe e operai. InfraTo fa sapere che nel corso della prima settimana di aprile nella parte nord su via Vigliani saranno istituite due corsie di marcia in direzione ovest e una corsia in direzione est; nel lato est della piazza, invece, saranno istituite due corsie di marcia in direzione nord ed una in direzione sud, verso Moncalieri. Ma – specifica – dove si trova il cantiere verrà garantita l’attuale percorrenza.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo