img_big
News
Sopralluogo nell’appartamento di via Forlì dove, ad ottobre, fu ucciso il 70enne Giovanni Battista Boggio

Torino, pensionato ammazzato al Lucento, la polizia torna sul luogo del delitto

Nuovo sopralluogo, questa mattina, da parte della polizia nell’appartamento di Giovanni Battista Boggio, il pensionato di 70 anni ucciso in casa sua, a Torino, lo scorso mese di ottobre. L’attività investigativa, secondo quanto si apprende, era programmata da tempo. Boggio, ex dipendente Fiat, fu ammazzato nel suo appartamento torinese, al piano terreno di un condominio di edilizia pubblica Atc in via Forlì 65, nel quartiere Lucento. L’assassino si accanì su di lui in maniera brutale. L’uomo, infatti, fu rinvenuto cadavere  sotto il tavolo della cucina di casa. Aveva il cranio spaccato in due. “Una cosa orribile”, come ebbero a riferire i primi soccorritori. L’arma del delitto, con ogni probabilità un corpo contundente, forse un martello da muratore, non è stata mai ritrovata. Tra le ipotesi degli investigatori quella che la vittima abbia assistito, nella notte in cui fu ucciso, ad un furto.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo