News
L’arma non fu usata per uccidere Gloria Rosboch ma potrebbe svelare altri misteri

PROF AMMAZZATA Sopralluogo con Obert per trovare la pistola di Gabriele. VIDEO ESCLUSIVI

Questa mattina si è tenuto il sopralluogo nei boschi di Castellamonte per trovare la pistola di Gabriele Defilippi, il giovane finito in carcere per l’omicidio di Gloria Rosboch. Assieme ai carabinieri Roberto Obert, amante di Gabriele ed anche lui finito dietro le sbarre per l’uccisone della professoressa. Con i due uomini è stata arrestata e incarcerata anche la madre di Gabriele, Caterina Abbattista, il cui ruolo nella vicenda è ancora ancora da chiarire.

Obert nei giorni scorsi aveva fatto sapere di essere in grado di far ritrovare l’arma, così come aveva indicato il luogo dove era stato rinvenuto la cadavere dell’insegnante, strangolata e poi gettata nella vasca di una discarica nelle campagne del Canavese. La pistola, con ogni probabilità seppellita, era stata consegnata da Defilippi ad Obert chiedendogli di farla sparire. L’arma non fu usata per uccidere Gloria Rosboch che fu strangolata, ma potrebbe svelare altri misteri ed eventuali collegamenti con un altro delitto, quello del pregiudicato Pierpaolo Pomatto. Al momento si tratta di una ipotesi investigativa priva di riscontri.

A collegare i presunti assassini della prof al secondo delitto alcune banconote fac-simile trovate accanto al cadavere di Pomatto. Le stesse che Obert dice di avere bruciato dopo che gli erano state consegnate da Defilippi.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo
banners