img_big
Sport
Il colombiano lancia la volata: “Restare in testa. Col Bayern si può”

Juve, Cuadrado ci crede: “Ma pedalare sempre”

“Dobbiamo scendere in campo con la testa giusta e pedalare. Sempre”. La metafora ciclistica si sposa perfettamente con il momento della Juventus, che vuole lasciarsi alle spalle i brividi della Coppa Italia e tornare quella delle quindici vittorie consecutive in campionato. “Da qui alla fine della stagione ci aspettano partite difficili, dovremo affrontarle una per una con la massima tranquillità”, sottolinea Juan Cuadrado. Che crede alla Champions – “col Bayern possiamo giocarcela” – e, in attesa di conoscere il suo futuro, conferma di essere “molto contento” a Torino. L’obiettivo, dunque, è vincere. “Il nostro obiettivo è stare in vetta fino alla fine”, ammette il centrocampista bianconero. Nonostante il sonoro ko per 3-0, la Juventus è comunque riuscita a conquistare uno degli obiettivi indicati dal suo tecnico nelle ultime settimane, la finale di Coppa Italia, per il secondo anno consecutivo. “La sconfitta con l’Inter è stata giusta, abbiamo disputato una delle partite più brutte dell’anno. Nonostante ciò ci deve dare forza – spiega il colombiano – perché siamo riusciti comunque a raggiungere l’obiettivo. Perdere non è mai bello: penso che l’esperienza vissuta ci servirà anche per battagliare nelle partite che ci rimangono alla fine della stagione”. I bianconeri si sono rituffati nel campionato, dove il traguardo è “restare in testa – sottolinea Cuadrado – fino alla fine”. Domenica, nella trasferta contro l’Atalanta, il tecnico bianconero Massimiliano Allegri dovrebbe affidarsi alla formazione tipo, accantonando il turn over. “Dobbiamo sempre entrare in campo con la testa giusta, sappiamo che tutte le partite sono difficili e può succedere qualsiasi cosa – osserva il colombiano -. Ogni partita rappresenta una finale, dobbiamo sempre dare il massimo: le nostre avversarie sono vicine, aumentare il vantaggio sarebbe bello ma non certamente facile”. A centrocampo rientra Marchisio e in attacco Mandzukic e Dybala riprenderanno il loro posto da titolare. Tra i quali non figura invece Cuadrado, anche se Allegri lo considera una pedina insostituibile dello scacchiere bianconero, per la sua capacità di entrare a partita in corso e di cambiare volto al match. Sul suo futuro l’esterno colombiano sfoggia il suo repertorio tecnico, “dribblando” la domanda, anche se le sue parole sembrano rivelare una preferenza per la Juve, che a fine anno dovrà decidere se riscattarlo o meno dal Chelsea. “Sono molto contento qui alla Juve – conclude – e sto pensando solamente a finire bene la stagione; per il futuro si vedrà, non è questo il momento”.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo