img_big
Cronaca
Ricoverata in rianimazione nell’ospedale pediatrico Meyer di Firenze

DRAMMA NEL LUCCHESE Ingerisce cocaina e ansiolitici a 14mesi: bimba gravissima

Ingerisce cocaina a 14 mesi: una bimba è ricoverata in gravissime condizioni in prognosi riservata nel reparto di rianimazione dell’ospedale pediatrico Meyer di Firenze. Si tratta di una neonata della provincia di Lucca ricoverata da venerdì scorso per un’intossicazione acuta da cocaina e ansiolitici (benzodiazepine). La notizia del ricovero è stata confermata dall’ospedale. Sulla vicenda la Procura di Lucca ha aperto un’indagine, condotta dalla polizia. La squadra mobile ha eseguito una perquisizione nella casa in cui la bambina abita con i genitori italiani. La bimba è arrivata in ospedale in un grave “stato soporoso” e solo successivamente, con gli accertamenti, è emersa l’intossicazione da sostanze stupefacenti e da medicinali contro l’ansia.

Non è in pericolo di vita
“Le condizioni sono stabili e le funzioni vitali sono autonome, teniamo la bimba in osservazione ma non è in pericolo di vita”. Così Lorenzo Mirabile, direttore della rianimazione dell’ospedale pediatrico Meyer. Secondo quanto spiegato da Mirabile, si tratta di “una vicenda che nasce da un fatto intercorrente comune”, poiché “la piccola ha avuto un’otite, e poi aveva uno stato di torpore che i medici di Lucca pensavano fosse attribuibile a un rapporto di contiguità con le strutture encefaliche, poiché una meningite può essere conseguenza di un’otite, dunque è stata indagata su questo”. Solo successivamente, “attraverso indagini laboratoristiche”, si è scoperta la presenza di “tracce di sostanze stupefacenti nel suo sangue“. Quanto alla famiglia della bambina, ha aggiunto Mirabile, “la mamma è sempre presente, molto in apprensione, è una realtà molto seguita quindi non faccio differenza tra questo caso e gli altri che sono nella mia rianimazione, a livello di sfera affettiva familiare”. “Se posso dare una mia opinione – ha aggiunto – nell’affettività familiare la loro condizione è normale”. 

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo