img_big
News
Ferito un ragazzo della Leo Chieri ma nessuna squalifica dalla Federazione

Maxi rissa con mazze chiodate per la partita di calcio giovanile

Doveva essere una normale partita di calcio tra adolescenti, invece è finita a pugni e calci, con un 16enne chierese in ospedale. Il giovane ha riportato un colpo di frusta e per dieci giorni dovrà portare il collare.

Secondo quanti riferiscono i dirigenti della Leo Chieri, la squadra in cui milita il ragazzo, poteva anche finire peggio: «Gli avversari lo hanno aggredito con un bastone chiodato che ha schivato per miracolo». La società rivale, l’Astisport, ammette la ricostruzione solo in parte: «Un nostro giocatore ha ammesso il pugno e per questo è stato allontanato – premettono il presidente Alessandro Bittner e la vice Marilena Cervellino -. Non giocherà più con noi, così come il fratello intervenuto in suo aiuto. Però ci hanno detto che il bastone era in mano a quelli della Leo».

CORRI IN EDICOLA E SU CRONACAQUI DI OGGI TROVI NOTIZIA COMPLETA E FOTO

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo