img_big
News
Questa mattina l’udienza di convalida dei fermi. L’ex allievo continua a dare la colpa all’amico

Insegnante uccisa: l’ex allievo piange davanti al gip. La madre di Gabriele: “Scarceratemi”

Gabriele Defilippi e sua madre Caterina Abbattista, in cella per l’omicidio della 49enne Gloria Rosboch, hanno pianto durante l’udienza di convalida dei rispettivi fermi, svoltasi questa mattina, nel Carcere di Ivrea. L’ex studente dell’insegnante di Castellamonte, ritrovata cadavere in una cisterna del Canavese, accusato di omicidio volontario e occultamento di cadavere, continua a sostenere di avere semplicemente assistito alla morte della Rosboch, mentre l’amante-amico Roberto Obert, anche lui in carcere con le stesse accuse di Gabriele, la strangolava a bordo della sua Renault Twingo. Una versione diametralmente opposta rispetto a quella fornita da Obert. Il quale avrebbe dichiarato di non essere riuscito a fermare Gabriele  mentre questi strangolava la povera Gloria. Continua invece a negare qualsiasi coinvolgimento nel delitto Caterina Abbattista, che in lacrime ha chiesto al gip Marianna Tiseo di essere scarcerata. Anche il suo fermo è stato convalidato. 

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo