News
IL CASO Il grido di dolore di una famiglia romena, residente in via Cravero

Piovono denunce in questura. «Minacce e insulti dai vicini»

Stufo di continuare a ricevere minacce e insulti, rivolti a lui e alla famiglia, ha deciso di raccogliere tutte le denunce – addirittura 20 – per presentare un singolare appello davanti alla Questura di via Grattoni. Florin, lo chiameremo così, è vittima di alcuni vicini di casa particolarmente turbolenti. Nell’appartamento di via Cravero, in zona Barriera, atti vandalici e minacce di morte rappresentano la quotidianità. «La mia unica colpa, forse, è quella di essere romeno? – si chiede Florin, mostrando il plico di denunce -. Mia moglie e mia figlia non ne possono più, ho scritto a Fassino e sono venuto qui per parlare con il Questore. Qualcuno deve risolvere questa situazione».

Il trasloco a due passi dal quartiere Regio Parco, avvenuto due anni fa, è coinciso con l’inizio di un rapporto non certo idilliaco con alcuni vicini di casa. 

CORRI IN EDICOLA E ACQUISTA CRONACAQUI PER LEGGERE L’ARTICOLO COMPLETO E VEDERE LE FOTO

 

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo