img_big
News
Il legale della famiglia Rosboch: “Purtroppo confermati nostri sospetti

AMMAZZATA LA PROF La madre di Gloria: “Oggi me lo sentivo”

Oggi me lo sentivo“. Queste le uniche parole pronunciate da Marisa More, 84 anni, madre di Gloria Rosboch, dopo aver appreso dalla tv che la figlia era stata trovata priva di vita in una vecchia discarica nei boschi del Canavese. Strangolata e nascosta in una vasca di decantazione ricolma d’acqua, a pochi chilometri dalla loro casa di Castellamonte, nel Torinese. 

Quando è arrivato un carabiniere ho capito…
“Oggi me lo sentivo. Avevo lasciato la cassetta dell’acqua fuori dalla porta, mi ero sbagliata. Ho capito da quello che oggi era una giornata storta” ha commentato parlando con il suo avvocato. “Poi quando è arrivato un carabiniere a bussare alla porta, ho capito…”. E allora le è crollato il mondo addosso. Con lei il marito Ettore, una amica dell’insegnante e l’avvocato di famiglia, Stefano Caniglia. “E’ straziante vivere le giornate così, senza sapere dov’è, cosa fa e come sta”, aveva detto negli ultimi giorni l’anziana donna. “Vengono meno le forze e viene meno la voglia di vivere…”. 

Gloria non si sarebbe mai allontanata lasciandoci così
Dallo scorso 13 gennaio – quando la figlia si è allontanata da casa per una riunione a scuola e non ha più fatto ritorno – non ha mai smesso di lottare per la figlia. “Gloria non si sarebbe mai allontanata lasciandoci così”, ripeteva, senza riuscire a darsi una spiegazione. Sapeva di Gabriele Defilippi, l’ex allievo che aveva convinto la figlia a farsi dare 187mila euro, i risparmi di una vita, e poi era sparito nel nulla. “A me dei soldi non frega nulla. Se riportano mia figlia viva, li lascio tutti a chi li vuole – diceva -. “Vorrei solo che me la riportassero a casa…”. 

L’ultima speranza si è infranta 
L’ultima speranza si è infranta oggi pomeriggio, quando i carabinieri hanno bussato alla porta. “La signora More è una donna forte – ha commentato l’avvocato Caniglia -. Abbiamo sempre avuto un sospetto su come potessero essere andate le cose. Ora aspettiamo solo la conferma, ringraziamo le forze dell’ordine per il loro operato, ma non c’è nessuna soddisfazione”. 

Dolore profondo dei genitori
“C’è un profondo dolore e una profonda sofferenza, sono due persone alle quali è stata portata via la figlia – ha sottolineato ancora l’avvocato – ora credo abbiano bisogno un po’ di raccoglimento in attesa di poter celebrare i funerali di Gloria. Per quando riguarda le modalità, aspettiamo di conoscere nei dettagli cosa è accaduto – ha aggiunto – anche se ad oggi sembrerebbe che i nostri sospetti fossero fondati”. 

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo