img_big
News
Omicidio Rosboch, Caterina Abbatista interrogata con il figlio in caserma

AMMAZZATA LA PROF Fermata anche la madre di Gabriele Defilippi

C’è un terzo fermo, dopo quelli di Roberto Obert, 54 anni e Gabriele Defilippi, 22, nelle indagini per il delitto dell’insegnante Gloria Rosboch, ritrovata cadavere, questo pomeriggio, nella vasca di una ex discarica nei boschi del Canavese: si tratta della madre di Gabriele, Caterina Abbatista. Lo hanno reso noto in serata in carabinieri, che stanno interrogando la donna, insieme con il figlio, nella caserma dell’Arma di Ivrea. Anche lei, come Gabriele e l’amico, è accusata di concorso in omicidio.

La docente è stata strangolata
Gloria Rosboch, 49 anni, è stata ritrovata priva di vita a Rivara, località distante solo pochi chilometri dalla casa della vittima, a Castellamonte: l’acqua fredda dell’invaso in cui era stata gettata dopo la morte, ne ha favorito la conservazione del corpo. Un fatto questo, che ha consentito al medico legale Roberto Testi di poter notare i segni dello strangolamento sul collo della docente. Gloria, infatti, come confessato dallo stesso Obert, sarebbe morta proprio per strangolamento, anche se sarà l’autopsia a fare piena luce sulle cause del decesso.

Gloria ammazzata a bordo della macchina?
La prof era scomparsa di casa lo scorso 13 gennaio quando era uscita per tornare a scuola, dove avrebbe dovuto partecipare ad una riunione, in realtà, mai avvenuta. Gloria era sola. E sola – secondo una prima ricostruzione degli inquirenti – sarebbe salita a bordo dell’auto dell’ex allievo Gabriele Defilippi. Qui, ad attenderla, c’era anche il complice del ragazzo, Roberto Obert. Lo stesso che, a quanto pare, avrebbe successivamente confessato il delitto ai carabinieri, aiutandoli poi a ritrovare il luogo in cui era stato nascosto il cadavere della Rosboch. In ogni caso, quello che è realmente successo con Gloria dovrà chiarirlo Defilippi, interrogato fino a tarda sera nella caserma di Ivrea. Ma tutto lascia presagire che la sventurata docente di Castellamonte sia stata strangolata proprio lì, a bordo di quell’auto.

Madre e figlio interrogati dai carabinieri
Con Gabriele Defilippi, come accennato, in caserma, ad Ivrea, c’è anche sua madre, Caterina Abbatista, già interrogata insieme col ragazzo per diverse ore martedì scorso. “Hanno risposto senza problemi a tutte le domande”, aveva detto il legale dello studente, Pierfranco Bertolino. Ma ancora non era stato trovato il corpo di Gloria e il giovane non sapeva che l’amico Roberto, pochi giorni più tardi, sarebbe crollato davanti ai carabinieri confessando lo strangolamento della prof.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo