img_big
Il Borghese

La normalità che fa notizia

Una delle regole del giornalismo dice che in teoria non è un cane che morde un uomo a far notizia, bensì un uomo che morde un cane. Quindi, una persona che trova un portafoglio per strada e lo consegna ai vigili urbani, affinché sia restituito, non dovrebbe fare notizia. Eppure accade. Diventa una notizia in pagina e anche con un titolo bello grande. Perché forse siamo troppo abituati alle brutture, alla disonestà a ogni livello e dunque un gesto semplice, spontaneo come quello di non tenere per sé i soldi di un’altra persona ci sorprende, ci stupisce, ci consola persino. Quella che dovrebbe essere la normalità fa notizia, questa è la verità. Ci dicono che questa persona che ha trovato un portafogli pieno, con 800 euro dentro, non ha lasciato neppure i propri dati, non ha neanche pensato di poter meritare una ricompensa, un ringraziamento. Ci dicono che era una pensionata, dunque difficilmente si tratta di qualcuno che nuota nell’oro… E ammettiamolo, anche se suona molto poco “politically correct”: tutte quelle banconote avrebbero indotto in tentazione chiunque. Tanto chi lo verrebbe mai a scoprire? Un pensiero che si affaccerebbe nella testa di chiunque, non serve nasconderlo. Invece questa signora non ha esitato a compiere la cosa più semplice: ha visto due vigili urbani – persone in divisa, quindi rappresentanti dello Stato o almeno delle istituzioni – e ha consegnato loro il portafoglio. Perché questa era la cosa giusta da fare, la cosa normale, scontata. Ci piacerebbe conoscere questa signora: anche il proprietario del denaro, che certamente ormai lo considerava irrimediabilmente perduto, ha espresso lo stesso desiderio. Per ringraziarla, per ricompensarla. Noi semplicemente per vedere il viso di una persona che ha compiuto il gesto che la propria coscienza le dettava, con quella naturalezza che esclude fosse possibile fare altrimenti. In un Paese di profittatori, di arraffatori dei beni altrui o pubblici, di corruzione e favori a ogni livello, vogliamo immaginarci che possa essere la normalità a fare notizia. Anzi, che sia una notizia lo decidiamo senza alcuna esitazione. Perché, come abbiamo detto sopra, abbiamo bisogno di questi gesti, così come alle volte il sorriso di uno sconosciuto per strada, un semplice buongiorno può cambiare il corso di una intera giornata.

                                                                                                                                                                                                           Twitter@ AMonticone

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo