img_big
News
IL CASO I genitori della Rosboch l’hanno consegnato ai magistrati

Il “quaderno di bella” era un diario segreto con i sogni della prof

«Almeno che me la portassero in una bara, così so dove piangere». Luisa More, la madre di Gloria Rosboch, ieri è stata sentita in Procura dalla pm Cristina Bianconi. Accompagnata dall’avvocato Stefano Caniglia, l’anziana ha ripercorso passo dopo passo tutta la
vicenda della truffa da 187mila euro, ad opera di un ex allievo, che ha preceduto la misteriosa scomparsa di sua figlia. «La mia idea è che mia figlia ha incontrato questo ragazzo per chiedere come mai non si fosse fatto nulla con i soldi che lei le aveva dato – ha detto -. Dei soldi me ne frego, ma spero che torni viva. L’hanno portata via, se non quel ragazzo qualcuno che lo conosce». 

 CORRI IN EDICOLA E SU CRONACAQUI DI OGGI TROVI NOTIZIA COMPLETA E FOTO 

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo