img
Sport
MOTOGP A Sepang l’azzurro, poi Lorenzo. In pista si è rivisto anche Stoner

Petrucci si prende la scena. Rossi: «La Yamaha cresce»

Lorenzo sempre meglio di Rossi, ma complessivamente le Yamaha molto meglio di Honda e Ducati anche se alla fine della seconda giornata di test ufficiali a Sepang davanti a tutti c’è Danilo Petrucci con la moto italo-tedesca. Ma il tempo del laziale è stato fatto con la morbida prima dello spettacolare incidente a Loris Baz che ha interrotto le prove per oltre un’ora e che soprat­tutto ha costretto tutti a non montare più le soft, girando solo con gomme dure.

Ecco perché il crono di Jorge Lorenzo, a soli 60 millesimi da Petrucci, assume ancora più valore mentre il terzo tem­po di Barbera vale quello dell’italiano, così come quello di Marquez che ha preso oltre sette decimi dalla vetta. Solo con la dura hanno girato inve­ce Crutchlow e Rossi, quinto e sesto (ma sulla carta secondo e terzo) anche se il pesarese prende nove decimi dal com­pagno di box. Appena dietro c’è la Ducati di Casey Stoner in versione tester, mentre Pe­drosa è soltanto dodicesimo, due piazze davanti a Dovizio­so che prende sei decimi da Stoner, a dimostrazione del fatto che il forlivese non ha ancora fraternizzato con il suo nuovo mezzo.

CORRI IN EDICOLA E SU CRONACAQUI DI OGGI TROVI NOTIZIA COMPLETA E FOTO

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo