img_big
Cronaca
Estratto dalle macerie un operaio, si cerca il proprietario

Esplode villetta a Folgaria, un morto e un disperso

Una villetta a due piani in corso di ristrutturazione rasa al suolo in pochi istanti e ridotta ad un cumulo di macerie, probabilmente a causa di una fuga di gas: questo l’effetto di un’esplosione questo pomeriggio a Mezzomonte di Folgaria, in Trentino. Un operaio è stato estratto morto dalle macerie, una seconda persona, il proprietario, risulta dispersa. Entrambi, secondo le prime testimonianze, erano entrati nella casa per un sopralluogo. Il boato, fortissimo, verso le 15.30 ha fatto scendere in strada tutti gli abitanti della piccola frazione, situata sull’altopiano di Folgaria, località turistica in questo periodo frequentata dai turisti per le settimane bianche. Al posto della casa, situata sulle pendici della montagna in località Molini, i vicini di casa si sono trovati di fronte un cumulo di macerie, mentre altri detriti sono stati individuati nei pressi di altre abitazioni vicine. Disperati gli abitanti del paese si sono subito messi a scavare fra il cumulo di calcinacci alla ricerca delle due persone che qualcuno aveva visto entrare nella casa prima dell’esplosione. In breve sono arrivati i soccorritori: quattro ambulanze del 118, l’elisoccorso, i vigili del fuoco con una decina di cani da ricerca e i carabinieri. Con grande cautela i vigili del fuoco sono entrati nel cantiere e, dopo aver messo in sicurezza la zona e recuperato alcune bombole di gas, hanno iniziato le ricerche dei dispersi. Grazie ad uno dei cani da ricerca, dopo due ore, nell’immenso cumulo di macerie, è stato individuato ed estratto il corpo senza vita dell’operaio Silvano Mazzari, 70 anni di Folgaria, da alcuni anni in pensione. Le ricerche, dopo il tramonto, sono proseguite con le fotoelettriche per estrarre dai calcinacci e dai detriti la seconda persona dispersa, Gabriele Lanzotti, 75 anni, proprietario della casa e gestore di un pub a Costa di Folgaria. “Sembrava la guerra”, ha detto un’anziana vicina di casa, che si è precipitata in strada dopo la deflagrazione. L’ipotesi più probabile è che l’esplosione sia stata provocata da un fuga di gas, ma non c’è ancora alcuna certezza sull’esatta dinamica della tragedia. 

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo