img_big
News
La vittima rapinata in via Sesia da due nordafricani

Un machete in pancia al ragazzo di 15 anni per rubargli il telefono

Forse lo stavano pedinando o forse lo hanno notato solo, in una via buia e senza anima viva nei paraggi. Di sicuro Luigi (il nome è di fantasia) non pensava che il viaggio dalla propria abitazione al nego­zio del padre si sarebbe trasformato in un vero e proprio incubo. Tre nordafricani lo hanno adocchiato in via Sesia, a due passi da piazza Foroni. Uno è rimasto all’ango­lo a fare da palo, gli altri due lo hanno raggiunto e dopo avergli puntato un lun­go coltello alla pancia hanno chiesto di consegnar loro lo smartphone (un Sam­sung), la sciarpa e il cappello.
«Mi hanno tirato lo zaino e in un attimo mi sono trovato quel machete sulla pan­cia – racconta il ragazzo, il giorno dopo l’ accaduto -. In quel momento non c’era nessuno e quei due, che potevano avere sì e no vent’anni, mi hanno chiesto di se­guirli. Non so dove volessero portarmi». A salvare Luigi l’arrivo, casuale, di un passante che ha messo in fuga i tre delin­quenti.

CORRI IN EDICOLA E SU CRONACAQUI DI OGGI TROVI NOTIZIA COMPLETA E FOTO

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo