img_big
Sport
Il tecnico granata: “Contro il Napoli una piccola reazione dopo due gare non buone. Vedremo in futuro cosa accadrà”

Ventura: “Stiamo tornando, spero di recuperare presto gli infortunati”

Napoli e Torino in questo momento sono due realtà molto diverse tra loro. Sono molto arrabbiato per il secondo gol, preso con la difesa schierata. Ma alla fine abbiamo anche rischiato di pareggiare. Potevamo fare di più. Comunque abbiamo ripreso a tentare di essere di nuovo squadra, cosa che contro l’Udinese non era successa”. Così l’allenatore del Torino Giampiero Ventura commentando la sconfitta dei granata al San Paolo contro la vicecapolista Napoli. “Nel secondo tempo – ha aggiunto – il nostro portiere Padelli non ha fatto grandi parate, non abbiamo fatto cose straordinarie ma abbiamo giocato nel limite del possibile da squadra e questa era la cosa più importante”. “Dopo due gare non buone – ha proseguito Ventura – oggi c’è stata una piccola reazione, poi vedremo in futuro cosa accadrà”. “Nelle ultime partite abbiamo perso un po’ di autostima, abbiamo riniziato a provare a giocare a calcio, mi auguro sia l’inizio di una ripresa. Abbiamo tanti giovani, e la personalità cresce attraverso le esperienze”, ha poi precisato il tecnico granata. “La mia espulsione? Io ho dato una botta alla panchina per un errore di un mio giocatore, e ho detto ai miei di non fare più lanci. L’arbitro mi ha detto che un gesto così è paragonabile a un calcio alla bottiglia, non lo sapevo. C’è gente che butta la giacca per terra – ha dichiarato ancora riferendosi all’episodio di Allegri in Carpi-Juventus – io ho solo dato una botta alla panchina ma se questo è il regolamento. Mi è venuto spontaneo, adesso ci starò più attento”. “Mercato? Non ho chiesto nessuno in particolare, io vorrei la salute di quelli che ho, come Maksimovic che non l’abbiamo mai avuto. Avelar che è fuori da mesi, Peres ha saltato un mese. Non avevo messo in preventivo questa catastrofe di infortuni, questo un po’ l’abbiamo pagato. Con la salute dei miei io sarei contento, poi se viene qualcuno a darci una mano ben venga”, ha concluso Ventura.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo