img_big
Cronaca
Saranno inaspriti i controllo effettuati nei grandi punti vendita

Obama: “Giro di vite sulle armi da fuoco”

Stretta sulle armi. Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha parlato alla nazione annunciando di voler incontrare il Segretario alla Giustizia Loretta Lynch per valutare le possibili opzioni atte a contrastare il fenomeno delle morti per arma da fuoco, nonostante l’opposizione del Congresso (leggasi Repubblicani). Un piano, quello sulla stretta alle armi, a cui la Casa Bianca sta lavorando da tempo e che non è stato ancora rivelato nei suoi dettagli. Ma che al primo punto prevede un rafforzamento dei cosiddetti ‘background check’, i controlli su chi acquista un’arma per verificare la presenza di precedenti penali o di disturbi mentali. E ad essere inaspriti saranno soprattutto i controlli effettuati nei grandi punti vendita, compresi i supermercati dove oggi in molti Stati Usa è possibile fare la spesa comprando anche pistole, fucili e munizioni. Non è chiaro se del pacchetto faranno parte anche alcune misure per limitare la vendita delle armi più letali: pistole semiautomatiche, fucili da guerra, maxi caricatori. Tutti strumenti di morte che hanno causato le principali stragi di massa degli ultimi anni: dalla Columbine High School al campus di Virginia Tech, dalla scuola elementare di Newtown al cinema di Aurora. Fino all’attacco di San Bernardino, dove il raid è stato di matrice terroristica. 

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo