Politica
La protesta dei consiglieri di Fi, Lega Nord e Fratelli d’Italia: “La tassa sull’aria pulita se la voti il centrosinistra”

Consiglio regionale. No al bollo auto sulle auto ecologiche, il centrodestra lascia l’aula

“La tassa sull’aria pulita se la voti il centrosinistra“. Con questa battuta i consiglieri regionali di Forza Italia, Lega Nord e Fratelli d’Italia hanno abbandonato i lavori del Consiglio regionale. “Già altre volte abbiamo protestato contro gli aumenti indiscriminati delle tasse regionali – spiegano i consiglieri regionali del centrodestra. Oggi mentre stiamo vivendo una emergenza sull’inquinamento la nuova tassa sulle auto ecologiche voluta dalla Giunta Chiamparino, suona come una provocazione inaccettabile verso tutti i cittadini piemontesi. Peraltro siamo curiosi di capire come giustificheranno al loro leader Matteo Renzi un’azione politica che di fatto va in contrasto con il divieto di aumentare la tassazione locale annunciata dal premier“. Questa mattina la prima Commissione regionale ha dato il via libera alle modifiche proposte dal Pd sul mini bollo per le auto ecologiche. L’ultima versione del provvedimento, discusso oggi pomeriggio in Consiglio regionale, prevede dopo i primi cinque anni di immatricolazione il pagamento di un bollo pari a un quarto di quello intero per le auto bifuel, benzina e gpl, e un quinto per quelle benzina metano che inizialmente doveva essere pari a un terzo. Il centrodestra, prima di abbandonare Palazzo Lascaris, ha organizzato una manifestazione di protesta contro quella che definisce “la tassa sull’aria pulita”, mentre il Movimento 5 Stelle parla “dell’ennesima presa in giro da parte della casta piemontese, che si mostra in bicicletta ai fotografi e tutti i giorni viaggia con le auto blu della Regione”. Per la maggioranza di centrosinistra le modifiche apportate al provvedimento, che dovrebbe portare nelle casse regionali una ventina di milioni di euro, consentono comunque al Piemonte di mantenere il primato di Regione con i più alti incentivi alle auto ecologiche

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo