img_big
News

Inter, l’autoritratto di Benitez: “Intelligente, vincente, ma diverso da Mourinho”

Intelligente, vincente, ma diverso da Mourinho. E’ l’autoritratto di Rafael Benitez, che questa mattina ha incontrato i giornalisti nella prima conferenza stampa in veste di allenatore dell’Inter. Due anni fa, Mou esordì dicendo di non essere un “pirla”. E Benitez rompe il ghiaccio spiegando ai cronisti che gli chiedono che cosa non sia con un sorriso: “Se sono qua – dice – penso che sono intelligente”. La seconda domanda riguarda sempre il predecessore. Pensa di essere l’anti Mourinho?. “No – risponde Benitez – Mourinho ha fatto un grande lavoro qua, io sono diverso: mi piace vincere, fare buon calcio se è possibile. Anche a me piace vincere, non credo sarà molto diverso». Sul suo arrivo. «In Italia si respira calcio dal primo momento, in vacanza in Sardegna ho visto giornalisti che mi aspettavano, paparazzi con il 4-5-1, 4-3-3, con tutte le formazioni – ha detto ancora Benitez davanti a una platea di un centinaio fra giornalisti, operatori e fotografi, dall’Italia, ma anche da Giappone, Stati Uniti, Inghilterra e Spagna – L’Inter è una società di massimo livello e voglio fare il meglio che posso».”Fare il meglio”, per un allenatore, è vincere. Ma Benitez vuole di più. “Voglio vincere giocando bene”. Mourinho, gli è stato domandato, gioca un buon calcio o no? «Questa è una domanda difficile: ciascuno ha la sua idea di cosa sia il buon calcio – ha replicato Benitez -. In Inghilterra il gioco è più diretto, in Spagna prevalgono i passaggi corti, dipende dai giocatori. Ma la mentalità è vincere giocando bene”.Come si può fare con l’Inter? “I giocatori sono buoni: fare buon calcio e vincere sarebbe perfetto, altrimenti è sempre meglio vincere perchè dopo puoi imparare». È più facile che la Spagna vinca il Mondiale o l’Inter di nuovo la Champions? «È una domanda trabocchetto – ha osservato l’allenatore di Madrid -, se potessero arrivare le due cose sarebbe meglio”.

 

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo