img_big
Sport
I bianconeri si aggiudicano il derby di Tim Cup (4-0) e volano ai quarti

Juve spietata, serve il poker al Toro

Sarà la Juventus ad affrontare la vincente di Lazio-Udinese nei quarti di finale di Coppa Italia in programma il prossimo 20 gennaio. Stasera, davanti al pubblico amico dello Stadium, i bianconeri hanno vinto il derby numero 192 della storia superando il Torino con un pesantissimo 4-0. la Vecchia Signora cala dunque il bis dopo la vittoria in campionato ottenuta lo scorso 31 ottobre quando la truppa di Allegri si impose di misura (2-1) solo nei minuti finali. Bisogna partire dal 28′ del primo tempo per raccontare il derby di Coppa Italia perché fino a quel momento in campo si era visto poco o nulla. Due squadre esattamente speculari che si erano studiate e annullate a vicenda. Poco gioco, tanto possesso palla e nessun acuto. In 28 minuti neanche un tiro, né fuori né nello specchio. Ventotto minuti serviti alla Juventus per passare al culmine di una prima vera azione degna di nota: gran bella giocata di Morata sulla sinistra, lo spagnolo salta in dribbling prolungato Bruno Peres e Bovo, quindi mette un cross basso sul quale si avventa Zaza che di prima intenzione mette la palla all’incrocio, imparabile per Ichazo. E’ la rete dell’1-0. Due dei tre assist di Morata in questa stagione sono stati proprio per l’ex attaccante del Sassuolo. La reazione del Toro è quasi ipalpabile ed è riassumibile in un’unica giocata firmata dal duo Baselli-Belotti, con il secondo che chiude il triangolo calciando la sfera distante dalla porta difesa da Neto. A due minuti dal riposo ci riprova ancora Zaza, che già ammonito poco prima aveva rischiato il rosso per un’entrata su Ichazo: stavolta la conclusione rasoterra dalla distanza diventa facile presa del portiere granata. In avvio di ripresa la Juventus cerca subito il colpo del ko, ma sulla conclusione di Morata è bravo il portiere a distendersi e a deviare in corner. A complicare la situazione agli uomini di Ventura ci pensa al 4′ Molinaro che, già ammonito, con un’entrata scellerata su Lichtsteiner si fa espellere dall’arbitro Doveri (doppio giallo). Oltre al danno pure la beffa perché dagli sviluppi della punizione, al 6′, e’ ancora Zaza a battere Ichazo: sulla battuta pasticciano Glik e Gazzi, il pallone  arriva all’attaccante lucano mette ancora alle spalle del portiere granata. Al quarto d’ora è poi Belotti a cercare gloria personale per la seconda volta, ma dopo aver lasciato sul posto Bonucci calcia sull’esterno della rete, mentre due minuti più tardi tocca al neo entrato Dybala provarci con un tiro a giro che sfiora il palo alla destra di Ichazo. L’argentino non sbaglia, invece, al 28′ quando, servito da Morata, conclude du mancino dal limite infilando il pallone nell’angolino basso di sinistra, laddove l’estremo difensore del Toro non riesce proprio ad arrivare. A calare il poker tocca invece a Pogba che a otto minuti dal termine con una millimetrica punizione infila la sfera sotto l’incrocio sinistro scrivendo la parola fine alla gara.
  


Juventus Torino 4-0

JUVENTUS (3-5-2): Neto, Rugani, Bonucci, Chiellini, Lichtsteiner, Khedira (37′ st Padoin), Marchisio (42′ st Hernanes), Pogba, Alex Sandro, Zaza (8′ st Dybala), Morata. a DISP. Buffon, Rubinho, Caceres, Barzagli, Cuadrado, Mandzukic, Sturaro, Evra. All. Allegri.
TORINO (3-5-2): Ichazo, Bovo, Glik, Moretti (37′ st Avelar), Bruno Peres, Acquah, Gazzi, Baselli (19′ st Gaston Silva), Molinaro, Belotti (19′ st Quagliarella) , Maxi Lopez. A disp. Padelli, Castellazzi, Zappacosta, Jansson, Vives, Amauri, Prcic, Pryima. All: Ventura. Arbitro: Doveri.
Reti: nel pt 28′ Zaza; nel st 6′ Zaza, 28′ Dybala; 37′ Pogba.
Note. Angoli: 4-1 per la Juventus. Recupero: 1′ pt e 0′ st. Espulsi: 4′ st Molinaro per doppia ammonizione. Ammoniti: Zaza, Marchisio, Molinaro e Acquah per gioco scorretto. Spettatori: 32.863 (ospiti 2.099), incasso 351.807 euro. 

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

News
Vinci TorinoCronaca 2023
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo