img_big
Cronaca
Il leader del Carroccio oggi a Torino: “Fassino? Mi pare abbia giocato male”

Salvini a Torino: “Chi nega il Natale ai bambini è peggio dell’Isis”

Il leader della Lega Matteo Salvini, oggi a Torino per l’incontro “Difendiamo le tradizioni e il territorio“, è tornato su un tema caro al Carroccio: “Chi nega Natale ai bambini è peggio dell’Isis per quanto mi riguarda. Difendiamo le tradizioni e il territorio. Il 25 dicembre è Natale e se a qualcuno dà fastidio, gli dà fastidio Gesù bambino, il presepe, il canto di Natale ha sbagliato Paese, giri per il mondo che è grande”. 

SULLE COMUNALI

“Saranno un banco di prova importante per rilanciare città ferme, amministrate per troppo tempo dalla sinistra. A Torino si può portare la sinistra al ballottaggio. Il sindaco Fassimo mi sembra abbia giocato male. Candidati? E’ l’ultimo dei problemi, l’importante sono il programma e la squadra. La Lega è pronta anche a correre da sola, ma uniti si vince. Faremo di tutto per avere una coalizione più ampia possibile, anche con liste civiche di persone che si avvicinano per la prima volta alla politica. Le amministrative saranno anche un segnale politico a un Governo che perde i pezzi ogni giorno. Il futuro della Lega è vincere per cambiare l’Italia con tutti gli italiani e i torinesi che sono stati lontani dalla politica perché delusi e disgustati. Noi siamo cambiati, le nostre porte sono aperte”.  

SUL TERRORISMO
 “Ogni Dio ha la sua dignità, ma in questo momento in nome di Allah si ammazza e chi fa finta niente per me è complice dei terroristi. Ora non sono concessi né il silenzio né la paura. L’avversario non è il terrorista dell’Isis ma chi, da complice, vuole cancellare la nostra storia e le  nostre tradizioni nel nome dell’integrazione. se non ci fosse la Lega sarebbe il caos, la gente si farebbe giustizia da sola. Noi cerchiamo di dare una risposta politica”. Il problema non è l’ospite prepotente, ma siamo noi che apriamo le porta a chi entra e ci dice che la nostra casa fa schifo. Non si tratta di un problema religioso. Ognuno è libero di credere nel dio che vuole. Personalmente però mi fa paura uno stato che elimini qualsiasi fede e metta al bando tutte le religioni. Per me il tuo Dio deve  parlare alla tua anima, ma il rispetto della legge è un’altra cosa”.

SUL DECRETO SALVA-BANCHE
“E’ una vergogna, ma non basta la solidarietà e come Lega morderemo le caviglie al Governo finché non tirerà fuori i soldi che sono stati rubati alle famiglie. Non mi basta portare la solidarietà ai 130 mila truffati dalle banche, vogliamo fatti concreti. La sinistra una volta era tanto nelle fabbriche e poco nei salotti buoni. Adesso invece Renzi ha più amici banchieri che operai”. 

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo