img
Sport
INTERVISTA Il tecnico degli anni Novanta sulla stagione: «Squadra solida»

Fascetti aspetta Quagliarella: «Con lui il Toro può sognare»

Eugenio Fascetti ha vissuto soltanto una stagione sulla panchina del Toro, ma ha centrato l’obiettivo che la società aveva prefissato: l’immediato ritorno in serie A. Il tecnico, infatti, fu l’artefice della risalita del 1989/ 1990, insieme a calciatori che in B erano davvero un lusso ( in quella rosa c’erano giocatori del calibro di Marchegiani, Cravero e Lentini, solo per citarne alcuni).
 
 Fascetti, è un Toro in netta ripresa: dopo un periodo difficile, ora sette punti in tre partite. 
« I granata erano partiti benissimo, stupendo tutti e ritrovandosi nelle prime posizioni di classifica. Poi, come è normale che sia, hanno avuto un calo: non si può viaggiare sempre ai cento all’ora, è comprensibile che i ragazzi di Ventura abbiano avuto bisogno di tirare un po’ il fiato. Però adesso stanno tornando a far punti, confermando di essere una squadra solida e con un’idea di gioco ben precisa. E non dimentichiamoci che in questo momento sta clamorosamente mancando un giocatore fondamentale per la squadra di Ventura».

CORRI IN EDICOLA E ACQUISTA CRONACAQUI PER LEGGERE L’ARTICOLO COMPLETO E VEDERE LE FOTO 

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo