AL GIOIELLO Piero Nuti dirige l'unica vera commedia della scrittrice inglese di gialli

Risate e noir alla Agatha Christie. “La tela del ragno” torna a teatro

Dieci artisti in scena, «e non è poco in un’epoca in cui a teatro si sentono so­prattutto monologhi» sottolinea Piero Nuti, una scenografia che riproduce un salotto inglese de­gli anni Cinquanta in una villa di un antiquario e una storia del genere “cadavere in biblioteca”, in questo caso si tratta di cadave­re in villa. La storia è quella raccontata da Agatha Christie in una pièce teatrale del ’54 e ora ripresa da Nuti che la propone per il cartellone di Torino Spet­tacoli.
  Il titolo è “La tela del ragno” e debutta questa sera in prima as­soluta al Teatro Gioiello di Tori­no. Un giallo, un thriller, una commedia. La tela del ragno è un po’ di tutto. «È l’unica comme­dia comica della Christie – sotto­linea Nuti -, un giallo in stile inglese. L’autrice è maestra nel mettere in scena tutti gli ingre­dienti necessari affinché dal rac­conto venga fuori un diverti­mento leggero sottile, mai sguaiato».
  Protagonista è Clarissa Hail­sham- Brown, una giovane don­na
 con una fervida immagina­zione. Una notte, poco prima di ricevere a casa un importante uomo politico ospite del marito, trova nel salotto di casa il cada­vere del nuovo compagno della ex moglie del marito, con il qua­le, poco prima, aveva avuto un acceso diverbio. È l’inizio di una notte ricca di colpi di scena.

CORRI IN EDICOLA E ACQUISTA CRONACAQUI PER LEGGERE L’ARTICOLO COMPLETO E VEDERE LE FOTO 

 

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single