img_big
News

Perugia: badante russa uccisa a calci e pugni, fermato un 60enne italiano

Il cadavere di unabadante russa di 57 anni è stata trovato questa mattina intorno alle 6 alla periferia di Perugia nei pressi di una fermata dell’autobus in via Cortonese, e qualche ora dopo la polizia ha fermato un italiano di 60 anni. La donna presentava lesioni ed ecchimosi e vicino al suo corpo sono state ritrovate alcune valigie che fanno pensare che si stesse per mettere in viaggio. Sul cadavere, trovato da un netturbino,è stata disposta l’autopsia.L’ uomo fermato dagli agenti si trova in questura dove viene interrogato come indagato. La sua auto, una Ford Fiesta, è stata sequestrata. Vicino al corpo due valige con indumenti ed oggetti personali della donna, apparentemente sistemati alla rinfusa, forse in tutta fretta. Le indagini sono state svolte dalla squadra mobile e coordinate dal pm Angela Antonella Avila. Nel giro di qualche ora – come detto – si è giunti al fermo dell’ uomo che probabilmente conosceva bene la vittima. La donna, da una prima ricognizione esterna del cadavere, eseguita dal dott. Sergio Scalise, potrebbe essere stata colpita con pugni e calci.

 

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo