img
Spettacolo
CASALE MONFERRATO Presentato il film sull’Eternit “bocciato” dal Tff ma dal 3 nelle sale

C’era una volta “Un posto sicuro”

Nei cinema italiani ar­riverà giovedì, distri­buito in 60 copie dal­la Parthénos, ma da ieri è già programmato in tre sale di Casale Monferrato registran­do il tutto esaurito. Il perché de ll’eccezionale anteprima è presto detto: “Un posto si­curo”, esordio alla regia di Francesco Ghiaccio, raccon­ta con sensibilità e coraggio l’impatto devastante che ha avuto l’Eternit sulla vita dei casalesi, il dramma del me­sotelioma pleurico che solo in questo comune ha causato la morte di quasi duemila cittadini, vittime innocenti della “polvere” e dei “co­riandoli” d’amianto respira­ti dentro e attorno la fabbri­ca. Realizzato con il soste­gno della Film Commission Torino Piemonte, il film è interpretato con convinzio­ne e passione civile da Mar­co D’Amore e Giorgio Colan­geli e realizzato con la con­sulenza di Fip.

CORRI IN EDICOLA E ACQUISTA CRONACAQUI PER LEGGERE L’ARTICOLO COMPLETO E VEDERE LE FOTO 

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo