img
Sport
ANALISI Capitano con la Polonia, il difensore va a caccia del primo gol

Glik, tra Toro e Europeo. «Un’annata splendida»

Da Atalanta-Toro ad Atalanta­Toro (arbitra Cancellara): proprio a Bergamo, lo scorso 4 aprile, si è interrotta la sindrome da goleador di Kamil Glik. Il capitano granata è stato uno dei bomber della squa­dra dello scorso anno (è finito sul gradino più basso del podio, die­tro agli attaccanti Quagliarella e Maxi Lopez), trovando addirittu­ra otto reti tra campionato, Europa League e Coppa Italia. In questa stagione, il polacco ancora non si è sbloccato, anche perché, dopo i precedenti della passata stagione, è marcato a uomo dalle difese avversarie. All’Atleti Azzurri d’Italia, il numero 25 granata sarà nuovamente in campo, titolare, alla ricerca di quel gol che manca da quasi otto mesi. LO STAKANOVISTA
Tredici partite stagionali fin qui disputate dal Toro, tredici presen­ze da titolare per Kamil Glik: un percorso netto, che si è interrotto soltanto nei dieci minuti finali della sfida di Coppa Italia contro il Pescara, in cui è stato sostituito
da Jansson.

CORRI IN EDICOLA E SU CRONACAQUI DI OGGI TROVI NOTIZIA COMPLETA E FOTO

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo