img
Cronaca
IL CASO La sfida tra Juve e Toro finisce con due genitori granata in ospedale

Insulti razzisti e botte da orbi. Follia e feriti nel derby Pulcini

Una donna seduta su una carrozzina in ospedale con il collare, il suo ex marito al pronto soccorso con un occhio pesto e il setto nasale rotto. Sono le immagini per cui verrà ricordato il derby tra Toro e Juve giocato a Borgomanero domenica 8 ottobre. E questa volta gli ultrà non c’entrano. In palio non c’è lo scudetto, in campo ci sono i Pulcini, e quella donna e quell’uomo che sembrano due vittime di una rapina in casa sono la mamma e il papà di un bambino di 10 anni. I segni che portano sul corpo ­hanno denunciato in un esposto presentato in Pro­cura – sono l’effetto delle botte ricevute dai parenti di un bimbo della squadra avversaria, anche loro in trasferta nel Novarese per quella che doveva essere una festa dello sport e invece si è conclusa con scene di panico e di follia.
  A scatenarla, gli sfottò ad alcune mamme “granata” e le frasi razziste con cui S.B., il padre di un giocatore bianconero, avrebbe “sbeffeggiato un bambino di colore” del Toro.

 

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo