img_big
News
REGIONE Marcia indietro sulla cancellazione delle esenzioni

Per le auto ecologiche ora spunta il mini-bollo. Rischio tasse nel 2017

Potrebbe essere meno pe­sante del previsto la mazzata per 180mila automobilisti pie­montesi a cui è stata cancellata l’esenzione dal bollo. La Giun­ta regionale ha deciso di tra­sformare da permanente a quinquennale l’esonero per le vetture elettriche, a gpl o a metano, per ricavare all’incir­ca 25 milioni di euro con cui colmare alcuni minori introiti previsti sul capitolo. Il vice­presidente Aldo Reschigna, ti­tolare del Bilancio, ha però aperto al dialogo chiesto dallo stesso centrosinistra, contra­rio al nuovo prelievo. L’ipote­si, emersa al termine di una riunione di maggioranza, è di modulare l’imposta per i pos­sessori di auto ecologica chia­mati a versare da gennaio in avanti.
  Si parla di un mini-bollo, con un importo ridotto o dimezza­to rispetto ai veicoli a benzina o gasolio. In alternativa, ma questo appare meno probabi­le, si potrebbe decidere di tra­sformare la durata dell’esone­ro, da cinque a sette oppure otto anni. Quel che è certo è che l’entrata in vigore del
 provvedimento non slitterà.

CORRI IN EDICOLA E ACQUISTA CRONACAQUI PER LEGGERE L’ARTICOLO COMPLETO E VEDERE LE FOTO 

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo