img_big
News
Il ministro: “No a commenti superficiali. Bisogna capire quello che è effettivamente accaduto

In classe con la pistola, Giannini: “Fatto grave”

“Non voglio fare commenti superficiali, perché bisogna capire quello che è effettivamente accaduto, ma è sicuramente un fatto grave”. Il ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, commenta così la vicenda del 16enne di Ivrea che si è presentato in classe armato di pistola e coltelli per difendere un’amica che era stata lasciata dal fidanzato. “E’ chiaro che se un ragazzo, minorenne o maggiorenne che sia, si trova con un’arma carica a disposizione – aggiunge la Giannini a margine di una visita ai padiglioni di Torino Esposizioni – il problema non è tanto il luogo in cui si trova, la scuola, ma le circostanze che gli hanno permesso di averla”.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo