img_big
Cronaca
IL CASO Tentato rapimento per darla in sposa ad uno zingaro

Rifiuta le “leggi” rom e sfugge al sequestro. «Voglio essere libera»

È una ragazzina forte, Marika. Una che a quindici anni ha imparato sulla propria pelle cosa significhi soffrire, fare i conti con la paura, lottare per i propri diritti, rischiare per inseguire il sogno di completare gli studi, trovare un buon lavoro, mettere su famiglia. Un sogno normale, per i suoi compagni di scuola. Ma non per chi, come lei, è cresciuta in un contesto in cui le tradizioni possono valere più delle leggi. Un mondo in cui il rifiuto di sottomettersi alle usanze può costare caro, anche la vita.
  Un rifiuto, quello di Marika, capace di dire no al matrimonio combinato con un altro giovane zingaro, che la famiglia del promesso sposo non ha accettato. E dopo averla seguita, minacciata e importunata anche mentre andava a scuola, ha cercato di rapirla per portarla all’altare con la forza.
  Era il 24 luglio scorso, Marika era in auto con la madre, due furgoni le hanno bloccate, tre donne e un uomo hanno cercato di trascinarla con loro. La ragazzina si p difesa, gli altri hanno desistito, la madre ha presentato denuncia, la procura ha iscritto quattro persone sul registro degli inda­gati. Quattro persone che respingono ogni accu­sa, ma che intanto – per disposizione del giudice – non possono più avvicinarsi alla ragazzina.

LEGGI LA NOTIZIA COMPLETA E GUARDA LE FOTO SU CRONACAQUI OGGI IN EDICOLA 

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo