img_big
Sport
L’ad bianconero: “Sul brasiliano la Juve si è buttata in extremis”. Intanto l’assemblea degli azionisti approva il bilancio: utile 2,29 milioni

Marotta: “Hernanes? Non pensavamo fosse un fenomeno”

Su Hernanes la Juventus si è buttata “in extremis. Non è stata una prima scelta e non abbiamo pensato di avere portato a casa un fenomeno”. Lo ha detto l’ad bianconero Beppe Marotta, in risposta agli interventi di alcuni azionisti della Juventus, durante l’assemblea che ha approvato il bilancio dell’esercizio 2014/2015 chiudendo con un utile di esercizio di 2 milioni 298.263 euro. “L’operazione Hernanes – ha precisato Marotta – ha comunque generato una plusvalenza con l’Inter”. “Allegri – ha precisato l’ad – non aveva fatto una richiesta di un trequartista”. Poi su Cuadrado: “non abbiamo diritto di riscatto, ma sono fiducioso che arriveremo ad una conclusione felice per noi. Con il Chelsea i rapporti sono ottimi”. A proposito dell’assemblea degli azionisti, è stata approvata la composizione del nuovo cda, con 12 membri e tre novità: Caitlin Hughes, Daniela Marilungo e Francesco Roncaglio. Gli altri 9 consiglieri sono Paolo Garimberti, Andrea Agnelli, Giulia Bongiorno, Assia Grazioli-Venier, Giuseppe Marotta, Aldo Mazzia, Pavel Nedved, Enrico Vellano e Maurizio Arrivabene. 

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo