img_big
Sport
Domani allo Stadium arrivano gli emiliani. “Caceres? Stare dietro la lavagna dipende da lui”

Allegri: “Juve, con il Bologna è la gara più importante dell’anno”

Domani allo Stadium la Juventus ospita il Bologna per la settima di campionato. Una gara da vincere assolutamente per cercare di recuperare posizioni in classifica e per tornare a vincere in casa anche nella massima serie dopo l’ottima prestazione offerta mercoledì in Champions contro il Siviglia. Mister Allegri sa benissimo che non si può più fallire e compromettere già il campionato: “E’ la partita più importante dell’anno, ho chiesto ai ragazzi una vittoria per passare una bella sosta. Credo poco alle svolte, di più alla continuità di prestazioni e di conseguenza dei risultati”. Il tecnico toscano è fiducioso, a patto che non si sottovaluti il Bologna, neopromosso come il Frosinone che a Torino ha strappato un insperato punto: “Vincere domani è importante perché in casa non l’abbiamo ancora fatto, bisogna vincere, ma per farlo dobbiamo offrire una prestazione convincente. Se giochi bene è più facile ottenere risultati, che fino a questo momento non sono dalla nostra parte. Dobbiamo affrontare il Bologna con la consapevolezza che si tratta di una partita difficile”. Una breve disamina sugli emiliani di Delio Rossi (che rischia seriamente il posto): “Il Bologna a Firenze è andato in svantaggio a 20 minuti dalla fine, contro l’Udinese era in vantaggio e dal possibile 2-0 ha  poi perso. Ha dei buoni giocatori a livello individuale, davanti ci sono Brienza e Destro che sono bravi, così come Mounier. Se vogliamo iniziare a recuperare in campionato domani credo sia l’occasione migliore”. Non può mancare un accenno a Caceres, messo fuori rosa dal club a seguito dell’incidente stradale che gli è costato il ritiro della patente per guida in stato di ebbrezza: “Caceres dietro alla lavagna dipende da lui. E’ da cinque anni alla Juventus, in campo è uno dei giocatori più affidabili. Non siamo in clausura, però ci sono momenti fuori dal campo in cui si possono fare delle cose e altri in cui non si possono fare”. Infine, un parere sull’esclusione di Buffon dalla lista dei papabili al Pallone d’Oro: “Non me lo aspettavo. Buffon, al di là dei vent’anni di carriera, l’anno scorso ha fatto un’annata straordinaria. In tutte le competizioni vinte è stato protagonista, meritava di stare tra i candidati al Pallone d’Oro”. 
Questi i convocati per la gara di domani, da segnalare il rientro di Asamoah: 
1 Buffon, 3 Chiellini, 6 Khedira, 7 Zaza, 9 Morata, 10 Pogba, 11 Hernanes, 12 Alex Sandro, 15 Barzagli, 16 Cuadrado, 18 Lemina, 19 Bonucci, 20 Padoin, 21 Dybala, 22 Asamoah, 24 Rugani, 25 Neto, 33 Evra, 38 Audero, 40 Vitale.  

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo