Al secondo posto

Il Toro ora sogna in grande. Mai così in alto dal 1994. «Quagliarella? Da Nazionale»

Sognano ad occhi aperti, i tifosi del Toro, ed è anche giusto che sia così. La vittoria contro la Sampdoria ha probabilmente rappresentato la prestazione migliore di queste prime quattro giornate di campionato: nel primo tempo, i blucerchiati sono stati completamente anni­chiliti; nella ripresa, i ragazzi di Ventura sono stati bravi a concedere poche conclusioni dal­la distanza. Non era assolutamente facile, perché la squadra di Zenga ha il migliore attacco del torneo e il capocannoniere di questa serie A, Eder. Tre punti che proiettano il Toro in posizioni mai esplorate alla quarta giornata. O meglio, da quando non esistono più i due punti per vittoria: bisogna risalire fino alla stagione 1994/1995 per ritrovare il Toro al secondo posto in classifica dopo quattro partite.
  Un traguardo storico, che confer­ma le ambizioni europee di questa squadra, mai troppo celate nem­meno durante l’estate. E se è da due stagioni anni, ormai, che i gra­nata occupano stabilmente la parte sinistra della classifica, un motivo ci sarà.
 

LEGGI LA NOTIZIA COMPLETA E GUARDA LE FOTO SU CRONACAQUI OGGI IN EDICOLA 

 

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single