img_big
News
Sarebbe deceduto per un malore il rumeno 46enne trovato privo di vita a Carmagnola

Lavoro nero: bracciante morto d’infarto, prosegue indagine

Sarebbe morto sul lavoro, per un malore, Ioan Puscasu, romeno di 46 anni trovato privo di vita a Carmagnola, nel Torinese. Lo sostiene lo Spresal dell’Asl 5 di Torino dopo i primi approfondimenti sul decesso, avvenuto lo scorso 17 luglio. I carabinieri, coordinati dalla Procura di Asti competente per territorio, sospettano che dopo la morte il cadavere dell’uomo sia stato spostato e ripulito. Una messa in scena per evitare collegamenti con il suo lavoro, probabilmente in nero, di bracciante in alcune serre della zona. Nel fascicolo aperto dalla Procura di Asti non figurano al momento indagati. I tecnici dello Spresal stanno effettuando alcuni accertamenti anche sulle condizioni di sicurezza nell’azienda agricola. Le indagini dovranno chiarire se anche a Carmagnola, nel 2015, si può morire di caldo e di fatica in un campo. Per quattro euro l’ora.

 

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo