img_big
News

Buffon fa chiarezza: «Juve, resto qui. Ma serve gente che sputi sangue»

Buffon fa chiarezza sul futuro, «resto alla Juve» e avverte «c’è bisogno di giocatori che sputino sangue per questa maglia».PROGETTODopo l’annata fallimentare che si è appena conclusa, c’è la voglia di voltare pagina e di tornare ad acquisire quella mentalità che ha contraddistinto i bianconeri nell’arco di tut­ta la loro storia, come ha affermato Buffon: «L’unica cosa che interessa a me, ai dirigenti e al popolo che ci sostiene è avere di nuovo dei giocatori con mentalità da Juve, con voglia di sacrificarsi, lottare e sudare perché la Juve è un punto d’arrivo e deve rappresen­tare il massimo. I giocatori devono dare tutto per la causa, perché la Juve è la squadra italiana che ha fatto la storia del nostro calcio e chi arriva alla Juve deve sputare sangue per questa maglia».ATTESTATIIl portiere della Juve è stato chiaro. Lui da Torino non se ne vuole andare: «Come sapete anche voi ho una situazione molto ben deli­neata con la Juve visto e considerato che da parte mia, e penso anche da parte loro, ci sia voglia di continuare questo tipo di rapporto ­ha detto Buffon dal ritiro azzurro -. Penso che alla fine andremo avanti così e siamo felici di farlo. Gli attestati di stima che ho da parte dei tifosi e della gente sono un valore che non si può trascurare e in un momento in cui uno poteva fare certe valutazioni questi attestati di stima hanno inciso molto».TIFOSI AL PRIMO POSTOChe ad influire nella sua decisione sia stata proprio la gente, Buffon l’ha ribadito a tinte forti: «I tifosi hanno sempre avuto un amore incredibile e impagabile per me. Li metterò sempre al primo posto perché io ho sicura­mente dato molto alla Juve, ma da loro ho ricevuto un’enormità. Se poi aggiungiamo che ci può essere un progetto nuovo, e mi auguro ambizioso, sono felice di restare».CONTRATTOC’è chi pensa che la Juve e Buffon siano schiavi del contratto del giocatore. A zittire tutti, però, è stato lo stesso: « Siamo in un’epoca in cui se un giocatore vuole andare via, va via. Senza nessun tipo di problemati­che o forzatura. Si vede che c’è stata una grande volontà della Juve di tenermi e anche la mia volontà di restare, sennò non sarebbe accaduto».FRECCIATABuffon, poi, ha tirato una stilettata alla vec­chia dirigenza: «È chiaro che quest’anno, e anche l’anno scorso, qualcosa non è andato e si è trovato il colpevole in Ranieri. La realtà è che non era quello il problema, ma che eravamo arrivati alla fine di un ciclo e nessu­no se n’era accorto. Credo che ci sia bisogno di ripartire con basi solide e che sia stato un bene fare una figuraccia quest’anno».NIENTE SCUDETTOInfine: «Per realizzare quello che ha fatto l’Inter ci vuole tempo. Non possiamo fare proclami sulla vittoria dello scudetto, ma noi stessi e la gente vogliamo evitare le figure imbarazzanti di questa stagione».Marco Avena

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo