img_big
News

Preso a sprangate in testa perché posteggia in sosta vietata

Lascia la macchina in sosta vietata e finisce al pronto soccorso, colpito con una spranga da un cinese. Mattinata di follia nel quartiere Borgo Aurora dove una rissa da film in via Carmagnola angolo corso Giulio Cesare ha rischiato di trasformarsi in una tragedia. Due uomini di nazionalità italiana sono finiti all’ospedale dopo un alterco con un cinese, titolare di un bar nella zona. A scatenare le ire dell’uomo un’auto parcheggiata davanti ad un passo carraio. «Ho visto quel cinese disperato – racconta un passante -. Doveva entrare nel cortile ma quel mezzo lo bloccava. Ad un certo punto è arrivato il titolare dell’auto e i due hanno cominciato a bisticciare».
Forse non era nemmeno la prima volta che i due litigavano ma quel che è certo è che dopo pochi secondi la furia dell’esercente si è abbattuta prima sull’italiano e poi su un altro uomo di passaggio. Con una spranga il cinese ha messo fuori gioco i due uomini costringendo prima i vigili e poi la polizia ad intervenire per sedare il folle e bloccare al traffico l’intera via Carmagnola. Sul posto anche i sanitari del 118 che hanno accompagnato le due vittime al San Giovanni Bosco mentre il titolare del bar è stato costretto dalla polizia ad abbassare le serrande della sua attività per rispondere di quanto accaduto. Numerosi i curiosi che hanno assistito all’intervento delle volanti mentre il marciapiede si è coperto per l’ennesima volta di rosso sangue. «Nessuno ci protegge. Siamo abbandonati» urla di rabbia la signora Maria. «Siamo prigionieri dei violenti – accusa il capogruppo di FdI della Sette Patrizia Alessi -. In particolare in Aurora dove tra spaccio e delinquenza si respira da anni davvero una pessima aria».

Philippe Versienti

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo