img_big
News

Zecche e treni sporchi, tangenti dietro l’appalto per la pulizia

Dietro la sporcizia dei treni si nascondeva un caso di corruzione. I carabinieri del Nas e il pm Raffaele Guariniello, a Torino, indagando sulle denunce di due passeggeri che lamentavano di essere stati punti da insetti, hanno scoperto un accordo sottobanco fra il titolare dell’azienda che aveva in appalto i lavori di pulizia e un dirigente delle Ferrovie dello Stato. Per entrambi è stato chiesto il rinvio a giudizio e l’udienza preliminare si aprirà il 24 ottobre.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo