img_big
News

Il “mummificatore di Settimo” evade e aggredisce a martellate il vicino di casa che l’aveva denunciato

E’ evaso dalla comunità Giuseppe Pilone, l’uomo conosciuto come “il mummificatore di Settimo” in quanto per alcuni anni aveva conservato in casa il cadavere del padre, dopo averlo “mummificato” con del cemento. L’uomo si è recato nello stabile dove viveva e ha aggredito a colpi di martello il vicino di casa, probabilmente come vendetta per averlo denunciato anni fa.

 

I particolari sul TorinoCronacaQui di sabato 12 luglio 2014

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo