News

Bisogna pagare la Tasi, addio a carne e pesce

Le scadenze fiscali fanno crollare i consumi a Torino. Le famiglie, dice Confesercenti, hanno tagliato su tutto, compresi i beni di prima necessità come carne e pesce, in caduta per il 30 per cento. Nel caos sulle sanzioni in caso di ritardo nel pagamento della Tasi, i negozi rimangono vuoti. I volumi d’affari di panetterie, bar e ristoranti scendono. E lo stesso vale per tabaccai e benzinai. Insomma per pagare le imposte – dicono i commercianti – i torinesi sono costretti a tagliare su gran parte dei restanti beni e servizi.

Il servizio completo du CronacaQui in edicola domani 

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo