img_big
News

Orrore al cimitero Monumentale di Torino: riti satanici con le ossa di un’intera famiglia

In una scatola di cartone marrone, abbandonata su una panchina davanti al ci­mitero Monumentale e recu­perata lo scorso 10 ottobre, c’erano due teschi e un muc­chio di ossa. Quei resti uma­ni erano avvolti nella pagina ormai ingiallita di un vecchio quotidiano, nella pagina nu­mero 13 di Stampa Sera del 9 maggio 1963. Dopo la sco­perta, la procura ha aperto un fascicolo d’indagine

L’inchiesta della magistratura ha nel frattempo compiuto enormi passi in avanti e dagli esami di laboratorio è arriva­ta una prima verità su quei resti umani: le ossa appar­tengono ad almeno cinque persone, due di età adulta e tre di età più giovane. Uno era un bambino. Sui re­sti ritrovati davanti al cimite­ro, poi, è stata rinvenuta cera colata, solitamente utilizzata per celebrare messe nere e riti di natura satanica.

Leggi l’articolo su CronacaQui in edicola 

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo