img_big
News

I forconi paralizzano Torino, scontri in piazza Castello FOTO

La protesta dei “forconi” paralizza Torino. I manifestanti, dopo essersi mossi in corteo da piazza Castello, si sono diretti alle stazioni ferroviarie di Porta Nuova e Porta Susa, invadendo i binari e bloccando i treni.
In piazza Castello, poi, per un’ora si è combattuta una vera e propria battaglia con centinaia di manifestanti a lanciare sassi, bottiglie e bombe carta contro il palazzo della Regione, dopo un tentativo di assalto. La polizia ha risposto con lancio di lacrimogeni nel tentativo di disperdere la folla. Un carabiniere è rimasto ferito, un fotografo è stato aggredito. Secondo le forze dell’ordine, tra i manifestanti si contavano decine di aderenti a gruppi ultras delle tifoserie di Juve e Toro.
Dopo un appello alla pace, da parte dei promotori della manifestazione, pare essere tornata la calma.
Questa mattina, dopo un tentativo di blocco del Caat il mercato agroalimentare torinese, presidi all’alba in piazza Derna e piazza Pitagora con traffico paralizzato dai manifestanti che distribuivano volantini.
Due manifestanti, comunica la polizia, sono stati denunciati per aver bucato le gomme di un’auto della polizia.
In città, chiusa la maggior parte dei negozi e dei bar, deserti i principali mercati da piazza della Repubblica a via Di Nanni a corso Brunelleschi.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo