img_big
News

Bomba alla Stampa: «Poteva esplodere»

Solo un caso fortunato ha salvato il dipendente de “La Stampa” che ieri mattina ha aperto un pacco indirizzato alla redazione del quotidiano. All’interno infatti c’era una bomba, un ordigno confezionato per esplodere che però non ha funzionato: «Questione di millimetri – spiegano le forze dell’ordine – due elementi non hanno fatto contatto e non hanno chiuso il circuito elettrico, altrimenti la bomba sarebbe esplosa».

L’allarme è scattato poco prima di mezzogiorno, quando il pacco è stato aperto al secondo piano dell’edificio di via Lugaro 15 che da qualche mese ospita la redazione del giornale. Indirizzata semplicemente a “La Stampa”, la grossa busta gialla conteneva un porta-cd di stoffa. La bomba, come hanno poi accertato gli artificieri dei carabinieri, era confezionata con circa 50 grammi di polvere esplosiva collegata tramite un circuito elettrico a una molletta e a una pila da 9 volt. L’innesco era costituito da due piccoli elementi che nel momento dell’apertura sarebbero dovuti entrare in contatto, chiudendo il circuito e facendo esplodere la polvere. «Probabilmente non poteva uccidere – spiegano le forze dell’ordine – ma sicuramente era confezionata per esplodere e ferire gravemente chi si fosse trovato nelle immediate vicinanze».

L’articolo completo su CronacaQui in edicola

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo