img_big
News

Quattroporte, si parte: all’ex Bertone inizia la nuova era Maserati

L’applauso più fragoroso è stato riservato a Sergio Marchionne, accolto nella nuova fabbrica intitolata all’Avvocato Gianni Agnelli come una vera star. E non poteva essere diversamente: lo storico stabilimento fondato da Nuccio Bertone nel 1912 era chiuso dal 2006. Ieri l’amministratore delegato e il presidente della Fiat, John Elkann, hanno premuto il bottone rosso che ha messo in moto la linea di montaggio della nuova Quattroporte, accendendo – dopo un investimento da un miliardo di euro – la «nuova era per la Maserati». E per Torino, che si candida a diventare il polo del lusso del Lingotto.

Non è stato, però, semplice. «Abbiamo fatto scelte difficili per poter continuare a produrre in Italia», ha detto Elkann (anche lui accolto all’ingresso in fabbrica, insieme alla moglie Lavinia, da un lungo applauso), mentre Marchionne stringeva le mani degli operai prima di salire sul palco. Alla cerimonia ha partecipato anche il presidente della Ferrari, Luca Cordero di Montezemolo, e l’intero consiglio di amministrazione della Fiat, convocato dopo la cerimonia per approvare i conti del 2012.

 
L’articolo comleto di Filippo De Ferrari e tutti gli approfondimenti su CronacaQui in edicola

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo