img_big
News

Il principe Emanuele Filiberto gira a Torino: star nello spot top secret

Appena può torna a Torino per respirare quell’atmosfera sabauda che gli è tanto famigliare: toccata e fuga sotto la Mole per il principe Emanuele Filiberto, in città solo per un paio di giorni per sbrigare qualche impegno di lavoro. Così per caso, CronacaQui venerdì mattina l’ha pizzicato al ristorante Urbani di via Saluzzo, sul set di uno spot ancora assolutamente top secret. «Sono a Torino per girare una pubblicità di cui però non posso rivelare ancora nulla – ha spiegato il principe -, è per un’azienda torinese, ma non si può dire di più. Purtroppo mi fermo qui solo due giorni, ma oggi è stato uno spettacolo vedere la città sotto la neve, sono uscito dall’hotel e sono passato da piazza San Carlo, meravigliosa con il suo monumento ad Emanuele Filiberto».

Ha mai pensato di comprare casa qui?
«Ne parlavo due settimane fa con mia moglie, in effetti è l’unica città italiana in cui vorrei vivere, ha una grandezza umana, è sobria, rispecchia il mio modo di essere: io sono molto riservato, distinguo tra vita pubblica e privata, non mostro mai le mie bambine».

In che zona della città le piacerebbe abitare?
«Comprerei casa accanto alla scuola in cui manderei le mie figlie, per non dipendere dal traffico e poter andare a piedi. Come faccio ora a Parigi. Amo molto Torino, ma non solo per ragioni dinastiche, è una delle città più belle d’Italia. Qui ho molti amici, come Giugiaro e Boglione».

Com’è la sua routine parigina?
«Il mio lavoro mi porta molto spesso fuori, ma quando sono a casa faccio il papà al 100 per cento. La mattina mi sveglio e sveglio le mie figlie, preparo la colazione, le porto a scuola le vado a riprendere e poi andiamo al parco. La cena è rigorosamente alle 19,15. Alle 20 loro vanno a dormire e io mi guardo un film».

È un padre severo?
«Il giusto, certamente per loro non devo essere un amico, ma voglio che abbiano fiducia in me: la più grande già mi racconta dei suoi fidanzatini, ma non sono geloso».

E con sua moglie?
«Sono un marito amante. Io e Clotilde siamo molto indipendenti, viaggiamo tanto, ma ci sentiamo, ci scriviamo messaggi, ci compriamo regali, io ogni tanto le mando mazzi di fiori. Dopo 10 anni, provo ancora una grande passione».

Vi divide il lavoro, ci sono nuovi progetti in ballo?
«Ho appena finito Pechino Express, che ha avuto un enorme successo ricevendo anche il premio di “Miglior programma dell’anno” dai tv blogger. Ci ho creduto molto e già si parla di una prossima edizione. Nel frattempo sto scrivendo alcuni format da produrre e un programma televisivo in America».

Nessuna apparizione al prossimo Festival di Sanremo?
«No, il Festival è stata una bella esperienza, quest’anno certamente Fazio lo farà alla grande, ma io non ho bisogno di questo per farmi vedere. Lo seguirò, ma da casa».

Alessandra Ariagno

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo