Cronaca

Boom di disoccupati. Camusso: “Nel 2013 andrà peggio”

Continuano a crescere in maniera allarmante le file dei senza lavoro. Secondo quanto emerge dall’ultima indagine dell’Istat il tasso di disoccupazione a ottobre supera la soglia dell’11%, raggiungendo l’11,1%, in rialzo di 0,3 punti percentuali su settembre e di 2,3 punti su base annua. Si tratta del tasso più alto da gennaio 2004 (inizio serie mensili). A ottobre il numero record di disoccupati deriva da un aumento del 3,3% su base mensile, con quasi cento mila persone in più alla ricerca di un impiego rispetto a settembre (+95 mila), mentre su base annua si contano 644 mila disoccupati in più, con un rialzo del 28,9%.

Ma il dato più allarmante riguarda i giovani. Il tasso di disoccupazione giovanile (15-24 anni) a ottobre è balzato 36,5%, è il livello più alto sia dall’inizio delle serie mensili, gennaio 2004, sia dall’inizio delle serie trimestrali, cominciate nel IV trimestre del 1992. L’Istat sottolinea anche come tra i 15-24enni le persone in cerca di lavoro sono 639 mila. Il nuovo anno, alle porte, non pare riservare miglioramenti anzi secondo Susanna Camusso: «Il 2013 sarà un anno sul piano occupazionale molto più pesante del 2012 che già è stato il più pesante di questi anni».

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo