img
Cronaca

L’Ue bacchetta l’Italia sulla sicurezza del lavoro

Per la Commissione europea, l’Italia deve rivedere alcuni aspetti della normativa in materia di sicurezza sul lavoro. L’unione europea, infatti, ha inviato un parere motivato all’Italia richiedendole di rivedere ed eliminare entro due mesi le disposizioni che «esonerano il datore di lavoro dalla sua responsabilità in materia di salute e sicurezza in caso di delega e subdelega» e quelle che «differiscono nel tempo l’obbligo di fornire un documento di valutazione dei rischi nel caso di nuove imprese o di modifiche significative nell’attività di un’impresa».

 

 

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo